Che cosa ho imparato dal 2020?

Sicuramente il 2020 è stato un anno che ricorderemo. Siamo stati costretti a cambiare le nostre abitudini (we have been forced to change our habits), ad adattarci (to adapt), abbiamo vissuto nell’incertezza del futuro. Alcuni di noi sono stati lontani dalla famiglia, altri hanno vissuto la solitudine.

Sono molte le riflessioni sul 2020. Le cose che abbiamo visto, quelle che abbiamo pensato, le paure e le speranze. 

Qui una piccola lista personale sulle cose che ho scoperto quest’anno. Nel bene e nel male (for better or for worse), il 2020 è stato per me un anno di scoperta. È stato un anno di piccoli gesti e casa.

Nel 2020 ho scoperto che:

Mi piace bere il cappuccino anche di pomeriggio: il cappuccino pomeridiano è diventato per me un piccolo momento di felicità con il mio compagno (my partner), a casa.

I bar sono importanti per la vita cittadina: prima del 2020 davo per scontati i bar (I gave bars for granted). Ho capito che amo andare al bar, bere qualcosa con le amiche, fare una pausa in piazza. I bar danno vita a una città (they make a city alive) e sono fondamentali.

La cultura può avvicinare le persone: durante l’anno ho scritto e pubblicato molti episodi del podcast. Ho ricevuto email e ho conosciuto persone con sete di conoscenza, gentili, curiose. Mai come quest’anno ho incontrato persone (seppur virtualmente) attraverso la cultura.

Internet è un grande strumento (tool) per imparare e conoscere persone: anche se da casa, ho potuto imparare cose nuove. Questo è un grande privilegio dei nostri tempi. Internet per imparare e connettersi con altre persone come noi. 

Internet può trasformarsi in una grande dipendenza (addiction): internet è stato per me un’arma a doppio taglio (double-edged sword). Il computer è stato fondamentale per il lavoro e la comunicazione con le persone, ma ne sono diventata dipendente (I got addicted by it). Ho passato troppo tempo davanti a uno schermo (screen). Nel 2021 voglio ridare spazio ai rapporti dal vivo.

Voglio passare più tempo in natura: dopo tanto tempo passato in casa, ho capito che la natura è una parte essenziale delle nostre vite. Non viviamo se non a contatto con la natura.

Gli amici sono importanti e le amicizie si coltivano (are nurtured) con le esperienze insieme: gli amici, gli affetti sono vitali; ci danno forza, sostegno, speranza, calore, soprattutto nei momenti difficili.

Il commercio locale è importante per la vita di una città: i negozi della città sono linfa vitale (nourishment). Nel 2021 voglio dare il mio contributo al commercio locale, agli artigiani che lavorano nella mia città, nella mia regione, in Italia. Senza negozi e bar, una città muore.

La solitudine è un mostro che si combatte con empatia e solidarietà: non dobbiamo sottovalutare la solitudine. Però abbiamo gli strumenti per combatterla: una telefonata, una lettera, un bel messaggio, una passeggiata insieme.

La solidarietà esiste ancora: il Covid ha fatto emergere egoismo, indifferenza, negazione. Ha, però, fatto nascere molta solidarietà tra le persone e generosità. Voglio guardare al positivo e avere speranza nelle persone.

La letteratura è una grande compagna di viaggio: nella letteratura si raccontano cose già successe, nella realtà e nella fantasia. La letteratura è una compagna di viaggio, una guida, un passatempo, una forma di meditazione. Nel 2021 voglio leggere, leggere e leggere.

E tu? Che cosa hai imparato da questo 2020? Se ti va, scrivilo nei commenti!

L’anno che verrà

Qui l’ultimo episodio di Pensieri e Parole del 2020. Con l’augurio e la speranza che questo nuovo anno ci porterà un po’ di serenità:

Un caro augurio per un 2021 pieno di progetti, cultura, affetto e molta curiosità,

Linda

Impara con il podcast

Trovi qui le trascrizioni, episodi extra e contenuti per praticare vocabolario e grammatica. Impara in modo efficace, divertente e interessante!
Subscribe
Notify of
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Selene Maya
Selene Maya
6 months ago

Non sapeva per dove cominciare, ho ascoltato il tuo podcast, la prima parte, mi piace molto, ascolto una sezione da quotidiano ogni giorno, sono estudentessa, imparo italiano con Duolingo e due libri di editoriale Larousse. Sono messicana, ho 41 anni e amo l’italiano da molto tempo, ho il proggetto di andare a Italia quando il Covid lo permessa. Voglio parlare del podcast U unicorno… qui in Messico ci sono animali Fantastique chiamate ALEBRIJES, sono un mix di diversi animali, un uomo messicano aveva brutti sogni ogni notte, sempre con quesito strani animali quindi a ha deciso di fargli in “Papel mache” una tecnica con pezzi foglio e collegamento per fare forme e figuri, dopo dipingere in colori forti.. Ti invito a vedergli soul internet, cerca ALEBRIJE MEXICANO, potrò vedere questi meravigliosi e speciali creazioni della immaginazione e mani messicane

Ciao, sono Linda

Questo è lo spazio dove
condivido consigli e curiosità
sulla lingua e la cultura italiana.

Adoro parlare di libri, letteratura
e cinema, ma anche di tradizione
e storia. Adoro passeggiare nella natura e viaggiare. Amo leggere con un tè in mano in compagnia del mio cane e amico, Elvis.

Vorresti leggere di un argomento
particolare? Entra in contatto
con me! Sono sempre contenta
di ricevere consigli, commenti e
suggerimenti.

Qui gli altri episodi:

Pensieri e Parole non ha pubblicità. Se ti piace il progetto e vuoi sostenerlo puoi considerare di offrirmi un caffè (ovviamente se ti va e secondo le tue possibilità)

Pensieri e Parole is free of advertisement. If you like the project and would like to support it, you can consider buying me a coffee (if you feel like, of course).